Rigore Juventus-Milan, Nicchi e Messina puniscono Doveri perchè non andava assegnato

CONDIVIDI
Rigore Juventus-Milan, Nicchi e Messina puniscono Doveri perchè non andava assegnato


Rigore Juventus-Milan che fa ancora discutere dopo una settimana e finalmente si è anche arrivati ad una conclusione, per i dirigenti Nicchi e Messina non andava assegnato perchè la distanza tra De Sciglio e il pallone era molto ridotta.

A pagare le conseguenze dell’errore del rigore Juventus-Milan non è stato l’arbitro Massa ma l’addizionale Doveri, perchè è stato proprio quest’ultimo a richiamare l’attenzione dell’arbitro.

La punizione è comunque stata lieve, infatti Doveri doveva essere l’arbitro della gara Udinese-Empoli, ma i vertici AIA hanno deciso di riproporlo come addizionale, mentre Massa sarà come normale rotazione l’addizionale in Cagliari-Lazio.



Con questa decisione sul rigore Juventus-Milan i vertici dell’AIA hanno così dato ragione alla grande maggioranza dei tifosi e degli addetti ai lavori italiani, che avevano ritenuto inesistente il fallo di De Sciglio, che nonostante l’assunzione di colpa non può cambiare comunque il risultato della gara e la Juventus è sempre più vicina al 6° scudetto di fila.

Sicuramente è comunque un buon segnale che Nicchi e Messina abbiano sottolineato l’errore senza cercare sotterfugi, si spera solo che la sudditanza verso la squadra bianconera svanisca per regalare un campionato come l’Italia merita e cioè con pari diritti per tutte le squadre sia che si chiami Crotone sia che si chiami Juventus. L’Italia vuole e deve avere un campionato senza ombre, anche qui da noi si vorrebbero vivere favole come quella del Leicester.

E’ chiaro che non è colpa della formazione bianconera ma degli arbitri che temono troppo il giudizio di una società così potente.




CONDIVIDI