RCA: Come Risparmiare sul Costo dell’Assicurazione Auto per Giovani



I giovani ed i neopatentati vengono considerati per le compagnie assicurative dei soggetti ad alto rischio. Ed è proprio questo il motivo principale per cui l’assicurazione auto per i giovani risulta essere molto cara.

Basta fare un preventivo di assicurazione online per vedere che, effettivamente, un giovane di 18 anni neopatentato paga un premio assicurativo ben più alto di una persona adulta che magari ha 45 anni e diversi anni di patente alle proprie spalle.

Il motivo della differenza di prezzo? Come già detto è nel rischio: i giovani, ed in particolar modo i neopatentati, sono dei soggetti che vengono classificati come meno esperti e talvolta anche come imprudenti. Sarebbero quindi persone maggiormente soggette ad incidenti stradali e pertanto il premio assicurativo da pagare sarà più alto.

 

Come Risparmiare sull’Assicurazione per i Giovani

Nonostante i rischi maggiori, secondo le compagine assicurative, è possibile trovare delle assicurazioni auto per neopatentati che si adattano alle proprie esigenze e permettono comunque al giovane di risparmiare.

La prima regola da rispettare se si è alla ricerca di un’ottima soluzione per risparmiare è quella di effettuare dei preventivi. Maggiore sarà il numero di preventivi di assicurazione RCA effettuati e maggiori saranno le possibilità di risparmiare.

 

Calcolare un Preventivo Assicurativo

Cosa occorre per poter richiedere un preventivo? Un preventivo può essere richiesto sia presso un’agenzia assicurativa, presente come sede fisica nella propria città, sia online, tramite il sito web ufficiale dell’assicurazione o tramite uno dei tanti comparatori di premi assicurativi, tanto sponsorizzati sia su internet che in tv.

Sia che la richiesta del preventivo venga effettuata online e sia che la richiesta venga effettuata in una sede fisica occorrerà avere a portata di mano gli stessi documenti.



Sarà quindi necessario essere in possesso della patente di guida, del libretto di circolazione e dei documenti del proprietario del veicolo qualora questo fosse diverso dall’autista.

 

Legge Bersani

A partire dal 2007 in Italia vi è stata una grande svolta nel campo assicurativo che è andata a favorire tutti quei giovani e quei neopatentati che dovevano stipulare per la prima volta un contratto assicurativo per un veicolo.

Cosa prevede e come funziona? La Legge Bersani permette di ereditare la classe di merito di un componente dello stesso nucleo famigliare ed assicurare un veicolo risparmiando.

Senza utilizzare la Legge Bersani il neopatentato nel momento in cui stipula il primo contratto assicurativo inizia dalla classe di merito 14. Sappiamo bene che maggiore è la classe di merito e maggiori saranno i costi da sostenere per il premio della polizza auto.

Con la Legge Bersani si eredita la classe di merito del padre o della madre pertanto, se il padre del giovane è in 1 classe, anche il ragazzo avrà la possibilità di stipulare il suo primo contratto assicurativo partendo dalla prima classe di merito. In questo caso, come si può ben immaginare, la differenza del costo della polizza assicurativa sarà molto sostanziosa in quanto i prezzi per assicurare un veicolo in 14a classe sono ben diversi da quelli di chi lo assicura stando in 1a classe.

Per poter usufruire della Legge Bersani è essenziale che il richiedente ed il parente siano nello stesso nucleo famigliare, dimostrabile con lo Stato di Famiglia. Tale Legge sarà applicabile solo per quelle auto che non erano mai state assicurate prima dal nucleo famigliare. La classe di merito potrà essere trasferita da padre a figlio, da madre a figlio o tra fratello e sorella solo a patto che la tipologia di veicolo sia la stessa e cioè moto con moto, ciclomotore con ciclomotore e auto con auto.




CONDIVIDI