Matrimonio Fai da Te: come risparmiare senza rinunciare alla felicità



Pensando a quello che dovrebbe per un uomo e una donna essere il giorno più bello di un’intera vita, quello del matrimonio, sorge subito una domanda essenziale: occorre davvero svenarsi economicamente per confezionare delle belle nozze? In tanti se lo saranno chiesti ma è pur vero che bisogna necessariamente svelare l’arcano e dare una risposta.

In Italia il budget medio si aggira sui 15.000 euro, una cifra soggetta a inevitabili oscillazioni il più delle volte tendenti all’addizione più che alla sottrazione. Riuscire a ottenere qualità a un costo contenuto risulta l’impresa più ardua, ma le soluzioni ci sono e paiono abbordabili, a patto che si presti attenzione a dettagli che realmente possono fare la differenza. Fermo restando che amici e parenti, insomma le persone più care, debbono essere invitate per sublimare una festa in fondo condivisa, per tutto il resto si può davvero risparmiare senza inficiare la riuscita dei festeggiamenti. Per prima cosa si può optare per un matrimonio fuori stagione, ad esempio in inverno o in autunno, seguito a ruota dalla luna di miele, perché in questo modo si vanno a occupare periodi in cui gli operatori turistici e le strutture propongono prezzi bassi per riuscire a garantirsi la presenza.



fornitori dei servizi pro-organizzazione si fanno pagare e non poco, ma anche su questo aspetto si riesce a essere oculati, in riferimento soprattutto all’operato del fotografo di matrimonio: quest’ultimo si può ingaggiare solo per una manciata di ore coincidenti con la vestizione degli sposi nelle rispettive case e il rito religioso o civile, ovviamente senza comprendere tutti quegli extra che il prezzo lo gonfierebbero e tanto (montaggio video, selezione foto, album). Extra banditi anche in sede di banchetto, cui devono partecipare le persone più strette, che ameranno peraltro gustare pochi piatti: pochi ma buoni, non lo dimenticate.

Una sequela di acquisti precede il giorno delle nozze, quindi è buona norma farli online per ottenere un buon rapporto qualità/prezzo senza sborsare grosse quantità di quattrini. Evitate soltanto di scegliere “a tastiera” l’abito che vestirete per sposarvi: quello è consigliabile comprarlo in una boutique o, comunque, in un negozio dove gli addetti potranno indirizzarvi verso la scelta più consona e adeguata.

Ecco dunque la soluzione finale: “un fai da te” che nulla toglie ma, anzi, risulta il valore aggiunto e la miglior condotta per ottenere un giorno di piena felicità e… tasche non troppo vuote.



CONDIVIDI