Lascia il bimbo di 3 anni in auto per giocare alle slot: arrestato

Le slot machine sono una vera e propria malattia, possono dare dipendenza più di quello che non si creda. La ludopatia può risucchiare vite, persone, stipendi, e renderle del tutto irriconoscibili. Come è avvenuto per quell’uomo di soli 34 anni che ad Ostia ha lasciato il figlio di soli 3 anni da solo, in auto, per andare nel bar a giocare alle slot machine. Storie di ordinaria tristezza e disperazione, ma che possono essere ancora più pericolosa. Il bambino è rimasto in macchina da solo, al freddo, la notte scorsa alle quattro di mattina una pattuglia dei carabinieri di Ostia mentre percorreva la zona ha notato che un bambino cercava di attirare l’attenzione, sbattendo le manine contro il vetro congelato dell’auto.

Subito insospettiti da una presenza di un bimbo in macchina a quell’ora della notte, i carabinieri hanno subito fatto vedere al bambino come aprire la portiera, l’hanno salvato coprendolo con i loro giacconi. Il bambino era molto freddo. L’ambulanza, arrivata velocemente sul luogo, ha ricoverato il bimbo in ospedale. Lì i medici hanno diagnosticato al piccolo un principio di ipotermia: adesso sta bene, ed è stato affidato alla sua mamma.

I militari a quel punto hanno cominciato a cercare il padre nei locali vicino alla zona dove era parcheggiata la macchina, finché non lo hanno trovato. Era in un locale a giocare alle slot. L’uomo, 34 anni e con alcuni precedenti, è stato arrestato: l’accusa che pende su di lui è quella di abbandono di minore. Adesso si trova in caserma, e verrà processato per direttissima. Una storia che avrebbe anche potuto finire peggio.