Hacker attaccano Dropbox e rubano più di 68.000 Password

CONDIVIDI


La privacy di 68.000 utenti è a rischio. Un attacco hacker nei confronti di Dropbox è stato effettuato la settimana scorsa.

La notizia è stata diffusa dallo stesso servizio di file hosting che ha provveduto ad inviare un email a buona parte dei suoi utenti invitandoli ad effettuare un cambio della password del proprio account in quanto i loro server hanno subito un attacco informatico.

La preoccupazione degli utenti è più che evidente. Su Dropbox c’è chi condivide documenti che utilizza per il proprio lavoro, materiale sensibile e foto private.

Il furto dei dati non è stato effettuato in questi giorni ma nel lontano 2012. Non sono quindi a rischio tutti gli account ma solo quelli che sono stati attivati entro il 2012.

La notizia del furto dei dati è invece avvenuta solo recentemente durante un’operazione di sicurezza di quella che per alcuni è la scatola digitale per eccellenza.



Nel 2012 Dropbox affermò di aver subito un attacco informatico ma tranquillizzò i suoi utenti comunicando che solo gli indirizzi email erano stati prelevati e non le password. Solo in questi ultimi giorni è stata invece diffusa che da quel famoso attacco furono prelevati tutti i dati degli account, email e password.

Su internet è possibile trovare un file da 5GB che contiene tutti i dati rubati dagli hacker a Dropbox.

Chi dal 2012 ad oggi ha già cambiato la propria password una o più volte non dovrebbe correre rischi. Sono potenziali vittime invece tutti gli account che dal 2012 ad oggi hanno conservato la stessa password dell’account Dropbox.

Per evitare di subire una violazione della privacy o qualsiasi altro danno dovuto da questo problema si consiglia, se non è stato già fatto, di cambiare la propria password Dropbox se il vostro account è stato creato prima del 2012. Si consiglia inoltre di non utilizzare password semplici e banali e di non utilizzare la stessa password per ogni servizio.




CONDIVIDI