Gelo, otto vittime in Italia, 6 sono senzatetto

CONDIVIDI


Otto morti per il gelo in tutta Italia in seguito all’ondata di freddo che è giunta dopo l’Epifania. A Cipriano, cittadina in provincia di Monza, un pensionato di 81 anni è stato trovato senza vita vicino al fiume Bevera, a Briosco, accanto alla sua casa. Indossava solamente maglione e ciabatte: malandato di Alzheimer, è probabile che sia uscito di casa senza dire nulla a nessuno, abbia perso l’orientamento e che sia morto per ipotermia. Un clochard di 43 anni, con tre figli, è morto ad Avellino congelato. Un altro senzatetto ha perso la vita ad Aversa, in provincia di Napoli.



Una donna di 49 anni di Altamura è morta invece dopo una caduta sul ghiaccio, che le è stata fatale. In Sicilia invece un cittadino rumeno di 46 anni, clochard e malato da tempo, è stato trovato senza cita di fronte ad un imbarcadero privato, a Messina. Una strage di senzatetto, aperta ieri mattina dal ritrovamento della sesta vittima, un senzatetto di Firenze trovato senza vita sul Lungarno. 48enne, polacco di origine, anche lui vittima della morsa di gelo che ha stretto l’Italia.

Gran parte d’Italia è stata sepolta dalla neve: Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, parte della Sicilia. Nonostante il sole sul resto d’Italia, le temperature sono rimaste veramente gelide ed il freddo non accenna a diminuire. I venti di Tramontana spazzano i mari, ma da oggi, domenica, saranno in diminuzione. L’aria gelida dell’Epifania era attesa soprattutto sul basso Adriatico, sull’Appennino, in Sud Italia e Sicilia. E, come ogni anno, ha fatto diverse vittime.




CONDIVIDI