Firenze, crolla villetta: morta una donna, salvo marito e due figlie



Un boato, un’esplosione, un crollo. E’ venuta già così, come un castello di carte, la villetta a Bagno a Ripoli, periferia di Firenze. Una famiglia intera è stata recuperata da sotto le macerie, ma purtroppo una donna non ce l’ha fatta. Un uomo, padre di due bambini, e le figlie di 7 e di 10 anni sono state prontamente estratte dalle macerie. Per loro intossicazione e qualche trauma: una delle due bimbe, entrambe ricoverate al Meyer, è stata sottoposta ad un’operazione chirurgica.



Si è cercata anche la madre sotto le macerie, con l’aiuto dei cani molecolari. Le ricerche sono proseguite nella notte, purtroppo il corpo della donna è stato trovato: per lei non c’è stato nulla da fare. Al lavoro sul luogo dell’incidente ci sono tre squadre di vigili del fuoco, l’Usar Medium, che è la sezione dei pompieri specializzata nel recupero delle persone sotto le macerie. Sul luogo dell’esplosione anche i carabinieri, il 118, la protezione civile. Per ora l’ipotesi più avvalorata alla base dell’esplosione e del crollo è quella della fuga di gas, che avrebbe causato il crollo attorno alle 20:30 in quella abitazione unifamiliare in località Nutrice.

Secondo alcuni residenti nella zona si sarebbe udito “Un boato sentito bene anche in lontananza”. Molti vicini sono accorsi e si sono messi a scavare sotto le macerie, aiutando a togliere i detriti cercando disperatamente di mettere in salvo la famiglia che si trovava sotto le macerie. Da una prima ricostruzione, purtroppo, sembra che la famiglia avesse appena fatto rientro a casa. Il padre e le bimbe tutto sommato stanno bene, purtroppo invece per la madre non c’è stato niente da fare.




CONDIVIDI