Cyberspionaggio, presi due fratelli che spiavano politici ed imprenditori

CONDIVIDI


Sono stati arrestati due fratelli, un ingegnere di 45 anni, Giulio Occhionero, e la sorella 49enne Maria Francesca, manager, con l’accusa di intercettazione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche, procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato, accesso abusivo a sistema informatico aggravato. I due hanno per anni spiato i principali esponenti della politica italiana, banchieri, ambienti della massoneria. Fra gli spiati c’erano Mario Monti, Matteo Renzi, l’ex governatore della Bce, Mario Draghi.



I due fratelli avevano messo in piedi quello che sembrava un vero e proprio grippo criminale hackerando siti di personaggi famosi, di ex ministri, politica, addirittura l’ex comandante generale della Guardia di Finanza. I due grazie ad una serie di pc infettati da malware avevano scelto negli anni le vittime e le avevano derubati di informazioni riservate, notizie, dati sensibili e privati, che custodivano su impianti informatici negli USA. I suddetti impianti sono stati sequestrati dalla Polizia Postale previa collaborazione con l’FBI.

Nell’elenco sequestrato c’erano almeno 18.327 username, nickname, password, e tutte le informazioni erano catalogate secondo il tipo di target. Ora però la polizia vuole scoprire a cosa servissero tutte quelle informazioni personali, raggruppate nel corso di anni di lavoro illecito. Che uso ne facevano i due, e se fossero o meno pilota da qualcuno, ecco che cosa la polizia vuole scoprire. Resta il fatto che si tratta di una delle maggiori operazioni di hackeraggio mai compiute in Italia.




CONDIVIDI