Come Scegliere la Crema Solare, attenzione alle etichette



La protezione solare è una delle cose più importanti da tener conto quando arriva l’estate per proteggere la pelle dai raggi del sole. Questa però si differenzia a seconda della pelle e della sua sensibilità e per questo viene usata la classificazione fatta da Fitzpatrick negli anni ’70, che suddiviso la pelle e la sua sensibilità in 6 differenti fototipi e per ognuno è stata scelta la protezione solare ideale. I soggetti più a rischio sono logicamente i più piccoli, perchè sono delicati e i sistemi di difesa della pelle non sono ancora del tutto sviluppati.

 

L’importanza della protezione

Quando si parla di protezione solare e quindi dai raggi UV, come ci viene consigliato anche da www.farmaciacanfora.com, non basta una semplice crema solare per sentirsi al sicuro, ma bisogna seguire diversi tipi di comportamento per cercare di proteggersi al meglio, perchè non esiste alcun prodotto capace di schermare le radiazioni solari del tutto. Quindi è bene usare la crema solare, ma anche evitare di esporsi al sole nelle ore più calde, indossare cappelli e abiti, solo così si può davvero mettere a riparo il proprio corpo dalle radiazioni solari.

 

Come scegliere il prodotto solare giusto

Per sapere a quanto ammonta la capacità del prodotto solare di filtrare i raggi solari UVB bisogna guardare con attenzione l’etichetta del prodotto e leggere la percentuale della dicitura SPF, cioè fattore di protezione solare. Proponiamo alcuni esempi per spiegare in modo più chiaro il tutto. Se il valore SPF di una crema solare è pari a 15, vuol dire che questa riesce a filtrare i raggi solari fino al 93%.



Una crema solare di valore SPF pari a 30 può invece bloccare i raggi UVB fino al 97%, ma nessuna riuscirà mai ad arrivare ad un valore pari al 100% come già abbiamo riportato nel paragrafo precedente. Un prodotto per essere definito solare, deve rispettare requisiti fondamentali come la garanzia di una protezione minima dai raggi UVA, pari almeno ad 1/3 dell’SPF dichiarato in etichetta: tali prodotti si riconoscono dall’apposito bollino cerchiato con all’interno la dicitura “UVA” riportato sulla confezione.

 

Ingredienti critici

Nei prodotti solari esistono alcuni ingredienti che sono sospettati di essere dei potenziali interferenti endocrini, che se usati con altri prodotti possono essere dannosi per la salute umana. Per questo motivo si sconsiglia di usare prodotti contenenti al proprio interno propylparaben, butylparaben (conservanti) e ethylhexyl methoxycinnamate (filtro UV). Per chi invece ha una pelle molto delicata e per i soggetti allergici, sono assolutamente da evitare le 26 fragranze allergeniche e il conservante methylisothiazolinone.

 

Attenzione alle etichette

Come per tutti i prodotti in commercio anche le creme solari devono avere etichette chiare e facilmente leggibili. Meglio fare molta attenzione alle seguenti diciture riportate sull’etichetta del prodotto:

PAO (periodo dopo l’apertura): la data di scadenza per i prodotti cosmetici diventa obbligatoria solo per quelli con scadenza inferiore ai 30 mesi, mentre per quelli superiore basta il PAO, che specifica entro quanto il prodotto può essere usato dopo la sua apertura. In genere per le creme solari il PAO ha una durata di 12 mesi.

Oltre al PAO meglio diffidare da alcune diciture come quelle che riportano l’assenza di alcuni ingredienti sconsigliati, perchè al loro posto ce ne potrebbero essere altri ancora più dannosi.



CONDIVIDI